Il Trono di Spade, pro e contro di Battle of the Bastards. I voti in anteprima dell’episodio 6x9

di Giorgio Viaro - 21-06-2016

Draghi. E mazzate.

Il problema.

Il problema è che di fronte a una puntata del genere (voto 10) - la più straordinaria ora di televisione che io ricordi, e la migliore ora di cinema del 2016 - passa la voglia di scherzare e viene invece quella di elencare alcuni momenti di racconto e regia che si mettono in tasca tutto quello che ho visto su grande schermo quest'anno.

Per esempio i festoni con il marchio degli Stark, che cadono sulle mura del castello riconquistato nel silenzio più assoluto.
Per esempio Ramsey che lascia correre via Rickon, e poi lo punta con l'arco, come Ralph Fiennes in Shindler's List con il bambino che ha pulito male il bagno.
Per esempio il momento preciso, nella battaglia, in cui i cavalli si schiantano gli uni contro gli altri intorno a Jon, rompendo lo stallo. Oppure le montagne di morti che crescono nel campo, nate per una banalissima esigenza produttiva (dopo quasi venti giorni di riprese, c'era troppo fango per qualsiasi altro movimento) - un quadro metafisico che ghiaccia la dinamica dello scontro in un'agonia infernale.

E potrei andare avanti, ma c'è questo scambio di battute della scorsa settimana tra due lettrici affezionatissime che commentano così il mio recap sulla pagina Facebook di Game of Thrones - Italy (vedete come sto attento? Eh? Eh?)…

Flavia Balena - Mi ha fatto ridere meno del solito oggi però.
Alessia De Giorgi - Vero, ultimamente hanno perso di mordente...

…causandomi un paio di notti insonni, soprattutto a causa dell'avverbio "ultimamente" e dei puntini di sospensione, che lasciano intendere un tracollo qualitativo prolungato e potenzialente interminabile (senza contare le scrollate di spalle della mia compagna di divano). Quindi mi impongo di ridarmi un contegno e procedo.

Ecco, intanto va detto che la Battaglia dei Bastardi non esaurisce tutto l'episodio, perché la puntata si apre a Mereen, dove la Padroni Srl. sta lanciando dei sampietrini contro le finestre della piramide (mi accorgo che la piramide ha delle finestre soltanto ora). La cosa irrita moltissimo Daenerys, ma non Tyrion - Tyrion non si scompone mai -, e inizia una discussione squisitamente politica.

(esplosioni)

- Brucio tutto.
- Che esagerazione.

(finestra in pezzi, sampietrino sul copriletto)

- Brucio. Tutto.

Alla fine la vince Tyrion tirando in ballo il papà di Dany, nonostante le sue idee recenti non si fossero dimostrate fortunatissime, e così scende in campo la diplomazia.

Sul dibattito che segue resto un po' perplesso, perché non è che ci voglia un genio per capire che nello scontro "Tante Navi vs Drago Enorme", vince Drago Enorme, quindi tutta la sicumera con cui i padroni impongono le loro condizioni è abbastanza ridicola, e soprattutto obbliga Daenerys a fare un giro dimostrativo panoramico in groppa a Drogon e bruciare una nave a caso.

Il giro dimostrativo garantisce però una notevole quota-draghi non solo alla puntata ma a tutta la stagione, fa spendere un sacco di soldi alla produzione in CGI, e serve a rispondere implicitamente a quelli che si lamentavano che quest'anno si parla troppo, e che palle, e dove andremo a finire signora mia (voto 3 a costoro: ma un po' di pazienza, no?).

Vabè. Esaurita la faccenda, torniamo a Winterfell, dove, nelle trattative della vigilia, Jon Snow si gioca la carta del "risolviamola tra noi due" con Ramsey Bolton, che ha un esercito tre volte più grande, l'ego di un mammuth e il coraggio di Don Abbondio. Certo, come no.
Cane Pazzo però ha anche un formidabile senso pratico in mezzo a tanti idealisti con gli occhi lucidi, e adoro il modo in cui continua a recitare la parte del re magnanimo e del marito premuroso con il sorriso sotto i baffi (Voto 9, che grande personaggio, che grande perdita).

Poi.
Con la battuta "Domattina sarai morto", comincia all'improvviso la migliore mezz'ora di televisione della mia vita (già l'ho detto, lo so), e soprattutto la piccola, formidabile epopea vendicativa di Sansa Stark.
La sua goffaggine protratta in questi anni, diventa qui un valore aggiunto: Sansa non pretende infatti di battagliare armi in mano come tante - poco credibili - eroine androgine del cinema, della tv e della letteratura (che in una mischia come quella in arrivo finirebbero in fretta a spezzatino), né improvvisa di tattica militare. Ma conosce gli uomini, e fa ragionare Jon (scopriremo poi, non solo lui). Rivendica cioè un ruolo determinante con armi diverse, apre gli occhi altrui.
Comincia l'età del nuovo governo Stark addirittura accettando - anzi, dando per scontata - la morte del fratello. Assume quindi improvvisamente tutt'altra statura drammatica (il voto globale al personaggio passa da 4 a 8).

Assume tutt'altra statura drammatica anche Tormund, che da quando ha conosciuto Brienne non capisce più niente (letteralmente) di quello che gli dicono.
"Scaviamo delle trincee".
(occhi sgranati)
"Il mio re era pieno di demoni"
(occhi sgranati)
"Dopo averla fatta devi abbassare la tavoletta"
(occhi sgranati)
Voto alla paralisi cerebrale di Tormund: 2.

Voto a Melisandre che una vota sapeva tutto e ora non sa niente (di fronte a Jon Snow poi, che è una contraddizione in termini): 4.

Quanto segue - la mattina dopo - è prevedibile negli esiti, ma stupefacente nei modi, e in pratica segna un nuovo standard di riferimento per la messa in scena dei conflitti senza polvere da sparo. La sconfitta di Cane Pazzo - ma anche la semplice cristallizzazione dello scontro tra buoni e cattivi, stavolta perfettamente riconoscibili - è uno dei più chiari segni della fine di tutto: all'orizzonte degli eventi c'è lo scontro tra vivi e morti (una separazione ulteriore) e la calata moralizzatrice di Daenerys.

Delle cose più belle ho già detto in cima, aggiungo al mazzo l'episodio di cannibalismo di Tormund, il tizio senza gambe che prova ad arrampicarsi sui cadaveri e la freccia nell'occhio del gigante.

Qui, infine, salutiamo Cane Pazzo, che tante soddisfazioni ci ha dato: passa gli ultimi istanti rimpiangendo tutte quelle scatole di Royal Canin lasciate a prendere polvere in credenza.

Clicca qui per i voti all'episodio 6x01

Clicca qui per i voti all'episodio 6x02

Clicca qui per i voti all'episodio 6x03

Clicca qui per i voti all'episodio 6x04

Clicca qui per i voti all'episodio 6x05

Clicca qui per i voti all'episodio 6x06

Clicca qui per i voti all'episodio 6x07

Clicca qui per i voti all'episodio 6x08