Golden Globes 2017: per Tom Hiddleston è stato solo un malinteso

di Marica Lancellotti - 10-01-2017

«Ero nervoso e mi sono espresso male»



Il discorso di Tom Hiddleston in occasione dei Golden Globes ha sollevato un polverone mediatico tale da spingere l'attore alle pubbliche scuse.

Nell'accettare il suo primo Globo d'oro per il ruolo da protagonista nella miniserie The Night Manager, Hiddleston aveva voluto ricordare coloro che ogni giorno rischiano la vita nel Sudan del Sud per portare aiuto alla popolazione, ma l'ha fatto in maniera forse un po' indiretta, mettendo al centro del suo racconto un aneddoto che riguardava lui in prima persona e le sue doti da interprete.

In poche ore è sorta un feroce schiera di detrattori, chi pronto a puntare il dito contro la vanità di Tom, chi contro il processo di banalizzazione a cui le sue parole avrebbero sottoposto una delle questioni più spinose della contemporaneità.

Così lui non ha potuto fare di meglio che rispondere, affidando a un post su Facebook la propria versione dei fatti: «Volevo solo dire: sono completamente d'accordo sul fatto che il mio discorso ai Golden Globes fosse fraintendibile perchè espresso male. In verità ero molto nervoso e le parole mi sono solo uscite di bocca nel modo sbagliato. La mia unica intenzione era di rendere omaggio a uomini e donne che lavorano incessantemente per Unicef, Medici senza Frontiere, per il World Food Programme, e a quei bambini che continuano a cercare speranza e gioia pur in condizioni terribili. Mi scuso, perchè l'ansia ha avuto la meglio su di me».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Video

Commenti