Le ottime ragioni per recuperare Narcos: l'ambientazione

di Marica Lancellotti - 16-03-2017

La location iniziale per le riprese non doveva essere la Colombia, ma...



L'unico paese che somiglia alla Colombia è la Colombia. É questo il problema di fronte a cui i produttori di Narcos si sono trovati all'inizio delle riprese. In ballo c'erano già deverse mete come Brasile o Porto Rico e qualunque posto che somigliasse anche vagamente ai luoghi di Pablo e che offrisse maggiori incentivi fiscali, teatri di posa per le scene in interni. Alla fine, però, per amor di autenticità, la scelta è ricaduta proprio sulla Colombia.

E d'altronde nessun altro luogo, pur con meno criticità legate alla delinquenza o a chi ancora beatifica la figura di Escobar, sarebbe potuto essere la casa perfetta dei narcos. La regia fa un ottimo lavoro nel metterlo in evidenza, ora con riprese aeree a sottolineare l'immensità della foresta o delle città fitte di case, ora stringendo quegli stessi posti in inquadrature strette che, proprio come i vicoli e gli anfratti di Medellìn, sono il perfetto nascondiglio per Pablo Escobar.

Soprattutto: nessun posto come Colombia avrebbe giustificato meglio la definizione di realismo magico di cui Narcos si fa potatore e di cui si propone come declinazione televisiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Video

Commenti