L'ex Power Ranger Ricardo Medina si dichiara colpevole di omicidio

di Marica Lancellotti - 17-03-2017

Nel 2016 era stato già arrestato, per poi lasciare il carcere su cauzione



Dalla TV per ragazzi ai casi di cronaca nera: due anni fa un giovane di nome Josh Sutter fu trovato senza vita nella stanza che condivideva con Ricardo Medina Jr., ex Power Rangers Rosso/ Cole Evans nella serie Power Rangers Wild Force - in onda nel 2002 su Fox e ABC.

Medina si dichiarò innocente ma gli inquirenti sospettarono subito un suo coinvolgimento, il cadavere presentava numerose ferite da arma da taglio e tra gli averi di Medina c'era una spada. Arrestato nel 2015 dopo l'accaduto, fu rilasciato per insufficienza di prove; fu riportato in tribunale nel 2016 con la richiesta di una codanna di 26 anni, evitata solo dietro pagamento di una cauzione da 1 milione di dollari.

A pochi giorni dal processo, che si terrà il 30 marzo a Los Angeles, Ricardo Medina ha deciso di cambiare la propria versione dei fatti e di confessare l'omocidio: nella sua autodenuncia l'attore si dichiara responsabile per la morte di Sutter, colpito più volte con la spada.

L'ex Ranger Rosso - che era apparso anche in Power Rangers Super Samurai del 2012 - rischia ora fino a 6 anni di carcere.

Fonte: Deadline

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti