«É ridicola»: l'ex compagno di Gianni Versace contro American Crime Story

di Marica Lancellotti - 04-08-2017

Lo stilista Antonio D'Amico ha commentato le prime scene trapelate dal set



Tra gli spettatori che stanno aspettando con ansia The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story non ci sarà lui: Antonio D'Amico, stilista e compagno per 15 anni di Versace, non solo non guarderà il nuovo prodotto di Ryan Murphy ma ha anche usato parole molto dure, dalle colonne del Guardian, per alcune scelte compiute dalla produzione.

«Su quella giornata si è tanto detto e tanto scritto, ma nulla che potesse in alcun modo avvicinarsi alla realtà. L'immagine di Ricky Martin (che lo interpreta nella serie, ndr) che prende il corpo senza vita tra le braccia è semplicemente ridicola. Forse volevano evocare la Pietà di Michelangelo, forse è stata una licenza poetica del regista, ma non si avvicna in alcun modo a quella che fu la mia reazione. Mi si raggelò il sangue. Vidi Gianni che giaceva sui gradini e intorno a lui solo sangue. Tutto intorno a me si annebbiò e fui portato in casa da qualcuno».

D'Amico ha rivelato di non essere mai stato consultato, nè dai produttori nè da Ryan Murphy, tantomeno da quel Ricky Martin che ha dovuto interpretarlo e che ha raccontato in un'intervista di una scena che l'ha particolarmente colpito: è una sequenza girata sulla spiaggia, in cui Gianni Versace/Edgar Ramirez intima al suo compagno di non toccarlo per via dei paparazzi.

«Noi abbiamo sempre vissuto come una coppia normale, e se gli autori me l'avessero chiesto non avrebbero scritto inesattezze. Gianni non ha mai nascosto la propria sessualità, non ha mai cercato di sembrare altro rispetto a ciò che realmente era».

The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story arriverà su FX - e in Italia su Fox Crime - nei primi mesi del 2018.

Fonte: The Guardian

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti