The Walking Dead 7x05, la recensione dell'episodio "Codardi"

di Andrea Facchin - 22-11-2016

Ritroviamo Maggie e Sasha alle prese con Gregory, il "coraggiosissimo" capo di Hilltop...


VAI ALL'EPISODIO VEDI ALTRE RECENSIONI


Maggie era l'ultimo pezzo mancante del puzzle introduttivo di questa prima parte di stagione. Non la vedevamo dalla sconvolgente season premiere, in cui ha visto il suo Glenn venire barbaramente ucciso da Negan. Ora la ritroviamo insieme a Sasha nella comunità di Hilltop. Scoprirne l'esistenza ha significato l'inizio della fine per Rick e compagni, che si erano accordati con Gregory, il capo del villaggio, per eliminare i Salvatori in cambio delle provviste necessarie per tirare avanti ad Alexandria. Il resto è ormai storia.

Tornando all'episodio, non regala molte emozioni, ma chiude un segmento della storia per aprirne un altro, proiettato verso la grande guerra contro Negan e i suoi uomini. Maggie e Sasha, dicevamo, sono a Hilltop, impegnate a scontrarsi - supportate da Jesus - con un Gregory terrorizzato. Dopo Nicholas di Alexandria, che sino a quando è stato tra noi ha combinato più guai di un branco di zombie, un nuovo "cuor di leone" si palesa nella serie: il leader di Hilltop farebbe di tutto per salvarsi la faccia, soprattutto di fronte ai Salvatori. Vive di rendita, approfittando della sua posizione e preferendo la resa incondizionata alla battaglia. Ma ha trovato chi è pronto a cambiare le cose e - soprattutto - è determinato a cancellare Negan dalla faccia della terra.

Ad Alexandria, nel frattempo, Enid scavalca le mura per dirigersi proprio a Hilltop, ansiosa di rincontrare Maggie. Carl, come al solito, la segue, salvandola per l'ennesima volta dai non morti. I due si concedono altri momenti (sui pattini, stavolta, trovati in uno zainetto abbandonato) in stile "Tempo delle mele", sino a quando giungono ai cancelli della comunità nel momento in cui i Salvatori riempiono i loro camion di provviste altrui. Enid cerca di convincere Carl a non fare mosse stupide e sembra anche riuscirci, ma in chiusura scopriamo il figlio di Rick nascosto in uno dei furgoni, diretti verso il rifugio di Negan. Fortuna che anche qualcun altro ha avuto la sua stessa idea: Jesus, personaggio che nasconde ancora parecchi assi nella manica e, siamo pronti a scommettere, sarà determinante da qui in avanti.

Cosa aspettarsi ora: il setup è completato e gli autori possono concentrarsi sull'assemblaggio della squadra all-star (Alexandria + il Regno + Hilltop) da scagliare contro Jeffrey Dean Morgan, tenendo alta la tensione senza trascurare nuovi colpi di scena, con il destino dei protagonisti sempre in bilico. Noi siamo pronti al decollo, ci aspettiamo che lo siano anche lo showrunner Scott Gimple e soci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti