The Walking Dead 7x06, la recensione dell'episodio "Giura"

di Andrea Facchin - 29-11-2016

E all'improvviso il ritorno di Tara, che finisce in un villaggio di sole donne...


VAI ALL'EPISODIO VEDI ALTRE RECENSIONI


Con l'episodio della settimana scorsa, pensavamo che il set up introduttivo di questa settima stagione di The Walking Dead fosse stato completato. E invece ci sbagliavamo, perché mancava un altro nome all'appello: Tara. L'avevamo salutata dopo l'attacco all'avamposto dei Salvatori, quando lei e Heath si erano divisi dal gruppo di Rick per andare a caccia di provviste con cui rifornire Alexandria.

Ci scusiamo con lei per averla completamente dimenticata, ma in nostra difesa, non è mai stata un personaggio di punta dello show. E forse è per questo che gli autori le hanno dedicato il primo episodio da protagonista assoluta, in cui Tara mostra un'ironia inedita unita a una buona dose di coraggio. Un modo per farci affezionare a chi, sinora, era stato tra le seconde linee e soprattutto non sa NULLA della morte della sua Denise (uccisa in un'imboscata dei Salvatori la scorsa stagione) né di quanto successo con Negan.

La ritroviamo svenuta su una spiaggia in riva al mare. Come sia finita lì (c'entrano un ponte e zombie nascosti sotto la sabbia...) ci viene raccontato attraverso dei flashback che si alternano con il presente, pratica narrativa ormai comune nello show. La soccorre una ragazza, Cindy, che si prende cura di lei dandole acqua e cibo. Tara la segue di soppiatto e giunge a un nuovo villaggio nascosto nella vegetazione... abitato da sole donne. Non sono amazzoni, né spietate vedove nere, solo altre vittime dei Salvatori: i fedelissimi di Negan hanno ucciso ogni uomo e bambino al di sopra dei 10 anni con un'esecuzione vera e propria. Le donne sopravvissute sono riuscite a mettersi in salvo e hanno fondato questa nuova colonia di "guerriere" pronte a tutto pur di difendere la loro ritrovata libertà. Compreso freddare gli sconosciuti a vista.

Tara se la cava e si gode una cena con il capo del posto, Natania, che le propone persino di vivere con loro (anche per non svelare a estranei l'esistenza del villaggio). Offerta rifiutata e per poco le costa la vita, ma è ancora Cindy (infallibile cecchino, tra l'altro) a tirarla fuori dai guai, permettendole di raggiungere Alexandria e scoprire la triste verità delle cose.

L'episodio, dunque, insiste sulla crudeltà senza limiti dei Salvatori e introduce un nuovo gruppo di possibili alleati di Rick e soci. Fa anche un'altra cosa, però, confermando quanto pensiamo dall'inizio dell'Apocalisse: raggiungere la costa è una soluzione più che valida per ricominciare. Gli zombie ci sono anche al mare, è vero, ma per stessa ammissione di Natania, la zona è sempre stata relativamente tranquilla. Un'altra vita, insomma, e forse è bene che Grimes & Co. ci rifacciano un pensierino. Dopo aver risolto il problemino Negan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti