Containment, la recensione del pilot

di Marica Lancellotti - 24-02-2017

La serie drama creata da Julie Plec è disponibile su InfinityTv


VAI ALL'EPISODIO VEDI ALTRE RECENSIONI


Dopo l'ebola e la SARS c'è un altro virus che sta minacciando il mondo intero, anche se per il momento il contagio è limitato agli Stati Uniti e alla città di Atlanta, che, nei primi minuti del pilot, ci viene mostrata come scenario di atti di guerriglia urbana. Comincia così Containment, la nuova serie drama che il canale The CW, dopo i successi di The Originals e The Vampire Diaries, ha affidato alla stessa showrunner, Julie Plec.

A differenza dei suoi usuali lavori, però, Containment non possiede elementi sovrannaturali perchè suo preciso compito è scucire quell'etichetta "teen" ancora legata al network. Remake della belga Cordon, la serie offre uno sguardo brutale sulla decadenza a cui gli esseri umani sono soggetti in situazioni di estremo pericolo. Comincia in medias res per poi fare un passo indietro e portarci lì dove tutto è cominciato: alla ricerca del Paziente Zero, nel tentativo di rintracciare il virus mortale e bloccare il suo contagio. Naturalmente c'è pochissimo tempo prima che il caos dilaghi in città.

Gli effetti di suspense maggiore però, a giudicare dal pilot, non sono legati al tempo quanto al fatto che nessuno dei protagonisti sembra trovarsi in una posizione di vantaggio rispetto agli altri. Se la dottoressa Sabine Lommers (Claudia Black) è chiamata a guidare le operazioni, è lei stessa a chiedere continuamente aiuto al'agente di polizia Lex Carnahan (David Gyasi), abituato a stare in prima linea nelle emergenze ma alle prese con un grave problema sul fronte personale: la sua amata Jana (Christina Marie Moses) è là fuori, esposta al pericolo mentre lui non è in grado di difenderla. Come nulla può neppure Katie Frank (Kristen Gutoskie), maestra di scuola elementare bloccata con i bambini, tra cui c'è suo figlio, all'interno della zona di quarantena dopo una visita ai laboratori in cui il virus ha iniziato a manifestare la sua terribile potenza distruttiva. Nessuno, inizialmente, sembra prendere la minaccia sul serio, ma i primi decessi all'interno della zona di sicurezza faranno degenerare una situazione che sembrava sotto controllo. Così, quando il paziente zero viene identificato, gli agenti incaricati della sua ricerca capiscono che è ormai troppo tardi: il contagio è iniziato e ognuno di loro potrebbe avere le ore contate.

Un countdown lungo 13 puntate? Molto di più, perchè il problema non è solo quello di arginare il virus: e se il mondo intero fosse vittima della più grande cospirazione bio-terroristica mai esistita?

Ogni risposta nella stagione unica di Containment, ora disponibile su InfinityTv.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti